7 risposte a “Un ricordo”

  1. Non mi è mai capitato di piangere leggendo, forse questo non è il periodo giusto per leggere. Parole scritte col cuore, tratti incisi sulla pelle e non sulla carta, continua così che sei un grande… anche se non ci conosciamo, grazie.

  2. bravo Beppe, complimenti,
    non so come tu sia riuscito a sintetizzare in poche righe la storia di una vita intera di un uomo straordinario come è stato il tuo papà.
    sei fortunato ad aver avuto lui come modello; forza e coraggio Beppe, la strada è tracciata, ora tocca a te.
    ciao
    un abbraccio
    a.am.

  3. è una storia bellissima, mi ha fatto venire la pelle d’oca, le lacrime agli occhi.
    il tuo papà, proprio come il mio: uomo d’una volta, saldo come una quercia, come una roccia che sa resistere alle intemperie della vita. Oddio,quanto mi manca!
    grazie beppe beppetti.
    una che fa il tifo per te

  4. *__*…non ci sono parole…sei riuscito a trasmettermi tanto…sei un grande…anche se ho ancora i miei genitori…ho vissuto questo, cn la perdita dei miei nonni…ti dico una cosa anche se nn ci sono più nn sento la loro mancanza…perché loro sn cn me…e si fanno sentire attraverso gli altri..e tu li riconosci…nn so se mi sono spiegato bene o se e mi avete capito…spero di si.

  5. Non importa quanti anni abbiano, 50, 70, 90… i genitori agli occhi dei figli sono immortali. E lo sono davvero. E tui sei stato bravo a riconoscere in tuo padre tutto questo. Inevitabilmente leggendo questa storia ho ripercorso la perdita di mio papà e non posso che condividere tutto ciò. Grande Beppe.

Rispondi